HELLO FLAWLESS • aka “Come le commesse di Sephora ti condizionano la vita”

Ultimamente ho viaggiato spesso tra Milano e Torino.
Non so se lo sapete, ma Milano Centrale può rivelarsi un grande luogo di perdizione soprattutto se devi aspettare parecchio il treno e non sai cosa fare.
Non so se lo facciano apposta o se sono io che ho problemi ma, appena scendi e finisci di percorrere il binario ti ritrovi MAC e Sephora IN FACCIA. Mi volete morta, ditemelo.
Quello che sto per raccontarvi lo scrivo soprattutto per me, un po’ come terapia d’urto. Facciamo finta di essere un circolo di alcolisti anonimi e che sia il mio turno di parlare.
Vagavo per Milano Centrale. Non entro quasi mai da Sephora, giusto per non farmi tentare, costa tutto troppo….invece quella volta ho varcato la soglia. Pensavo “cià, fammi vedere queste fantomatiche tinte labbra di Sephora di cui parlano tutte!” .
Tinte labbra? E chi le ha mai viste.
Appena dentro sono stata subito attratta da tutto il resto: Urban Decay, Collistar….Benefit….
Mentre il mio cuore si spezzava per i prezzi dei prodotti mi si avvicina una commessa con la solita frase “CERCAVI MICA QUALCOSA?!” e io stupida, ho risposto “no niente, guardavo qualcosa per il contouring…” .
Errore! SACRILEGIO! Avrei dovuto dire: NO. MOLLAMI. NON VOGLIO NIENTE. Invece rispondendo così le ho solo dato l’aggancio per mostrarmi 34583096845068 prodotti.
“Ah, ma allora devi assolutamente provare questo quod di UD con blablablabla”.
Subito le faccio notare che sono truccata e non posso stratificare altra roba sulla mia faccia, o sembrerei Moira Orfei, ma lei insiste spiegandomi anche come va fatto un contouring.
PRONTO? Mi vedi? Sono truccata, so farlo. Quella con l’eyeliner verde glitterato sei tu, NON IO.
Niente. Inizia a spolverarmi la faccia con del BLUSH che comincia a mettermi pure sulla mascella.
Grazie, ora sono proprio pronta per la copertina di Vogue, grazie.
Scappo dalla pazza commessa glitterata e mi dirigo allo stand Benefit apparentemente disabitato.
E’ lì di fronte a me, lo vedo.

Benefit-Hello-Flawless-2761
Hello Flawless, il fondotinta che ho visto in ventordici tutorial di NikkieTutorials. Lei che ha sempre una pelle perfetta, io che ogni volta penso “aaahhhh, quanto sarebbe bello avere quel fondo, chissà magari anche io divento figa come lei…” .
Lo prendo, lo provo sulla mano, ne esce una quintalata e non so più dove spalmarmelo.
Arriva in mio soccorso la commessa di Benefit che me lo fa provare sul collo.
E’ lui, è bellissimo. E’ il mio colore! E’ amore.
Costa una fucilata.
Dannazione DONNA! Perchè me lo hai spalmato sul collo? Ora lo desidero!
(Tento di incolpare la commessa quando in realtà è tutta colpa mia.)
La commessa che ha capito che sono senza speranze cerca di rifilarmi pure la crema, il profumo e un gel per sopracciglia, dicendo “ne avresti bisogno”

INNANZITUTTO STAI CALMISSIMA, poi, adesso aspetti un secondo che devo andare a piangere in un angolo…

……
Lo sanno anche i sassi che ho dei complessi con le sopracciglia.
Le odio, sono storte, me le tolgo tutte, me le disegno, me le tatuo, basta ecc eccc…

Nonostante il crollo drastico di autostima e i complessi sono ancora lì con il fondotinta in mano mentre la commessa mi fissa.
Cosa faccio? E se poi non mi piace?
Presa da un impulso uscito chissà dove e un po’ spinta dalla commessa che manco Giorgio Mastrota, dico le fatidiche due parole: “LO PRENDO!”
Mi dirigo alla cassa felice e singhiozzante allo stesso tempo.
Povera, ma con un collo bellissimo.

Benefit-Hello-Flawless-Oxygen-Wow
AD OGGI ho provato un bel po’ di volte l’Hello Flawless e posso dire che:

♥ Ha un odore terribile. Avete presente l’odore del bianchetto che si usava al liceo? Ecco.
♥ E’ super liquido, a differenza dei fondi a cui ero abituata. Anche agitandolo per ore, rimane liquido quindi è proprio la formulazione.
♥ Ha una coprenza modulabile . Non copre assolutamente brufoli e cose del genere ma uniforma l’incarnato. Io tendo a stratificarlo dove serve. Rimane molto naturale, non fa l’effetto mascherone.
♥ Non sono in grado di stenderlo con un pennello (esempio: l’Essentials Foundation Brush di RT) . Non so se sia il pennello o il fondo troppo liquido, ma si stende proprio male, lascia righe, non è uniforme, va ovunque.
♥ Si stende da dio con una spugnetta (es: beauty blender o simili).
♥ La colorazione per la mia pelle è perfetta (Ivory)  e penso si adatti molto anche a tonalità diverse. Io sono cadaverica, quindi è un punto in più!
♥ Ottima anche la durata. E’ un fondo che non da fastidio sulla pelle e non è pesante, si asciuga bene e dura a lungo.

Insomma, non mi sono pentita dell’acquisto. So già che quando finirà sarò triste.
Ve lo consiglio, se volete prendere un fondotinta importante per quanto riguarda il prezzo.
Sono consapevole del fatto che esistano fondi molto buoni alla metà di quella cifra. Io stessa ho sempre utilizzato prodotti con un prezzo molto contenuto.
Se avete testimonianze sofferte di incontri ravvicinati con commesse di Sephora, fatemelo sapere.
Aiutiamoci.

Sybelle

I Preferiti di MARZO !

Ciao a tutti!
Queste sono state le cose che ho preferito di più nel mese di marzo.
Quali sono stati i vostri preferiti?
Fatemelo sapere con un commento! ♡

Vi ricordo che potete farmi tutte le domande che vi frullano per la testa, usando l’hashtag #ASKMARTY su twitter!

Beauty

Acqua Micellare So Bio all’Aloe Vera.
La uso per struccarmi alla sera tardi, abbinata a una salviettina struccante.
Leva tutto il trucco ed è super rinfrescante! E’ pensata per pelli delicate come la mia infatti non mi ha mai dato problemi.
Aloe vera acqua micellare-800x536
Pennelli Real Techniques.
Possiedo un set di tre pennelli per il viso. Sono morbidissimi e stendono il prodotto benissimo.
Ogni pennello può essere usato per diverse tipologie di prodotti.
img_3873
•Film del Mese

Gone Girl
gone-girl-screencap

” Nick, sposato da cinque anni con Amy, perde il suo lavoro come giornalista a causa di un ridimensionamento e decide di trasferirsi con sua moglie da New York alla sua piccola città natale nel Nord Carthage, in Missouri, anche per stare vicini alla madre, affetta da un tumore e che morirà nel giro di qualche mese. Lì apre un bar, utilizzando l’ultimo fondo fiduciario di sua moglie, e lo gestisce insieme a sua sorella gemella Margot. Il bar offre una vita decente ai tre Dunnes, ma il matrimonio diventa sempre più problematico. Il giorno del quinto anniversario Amy scompare nel nulla, in una casa messa a soqquadro e disseminata di sangue, tracce che, ben presto, portano Nick ad essere indagato per omicidio. ”

fonte: Wikipedia.

E’ un film che mi ha colpita molto soprattutto per l’interpretazione della progonista (Rosamunde Pike).
Anche dopo averlo visto, ho passato diversi giorni a pensare al finale e ai vari colpi di scena.
Se vi piacciono i drama e i thriller sicuramente potrete apprezzarlo.

• In Fissa

Game of Thrones Stagione 5. Manca sempre meno tempo e io sono in fermento!
Nuovo album dei Muse. Sono usciti due singoli : Psycho e Dead Inside. Mi sono piaciuti molto, voi cosa ne pensate?
Tomorrowland. Nuovo film assurdo in uscita a breve (Link: https://www.youtube.com/watch?v=0sH0__SpV88 )

• Canale del Mese

RoxyRocksTVhttps://www.youtube.com/user/RoxyRocksTV
Una ragazza dolcissima che fa video carinissimi in 3 lingue diverse!

• Canzone del Mese

Epica- Chemical Insomnia
Meghan Trainor- Dear Future Husband

• Video del Mese
GERBIL!! – https://www.youtube.com/watch?v=OZmDdo8K-7o


Video dei preferiti sul canale:

MITOLOGIA NORRENA #2 ~ Völva

La völva ( plurale völur)  è una figura molto importante nella società e nella mitologia norrena.
E’ una maga, una veggente esperta nella divinazione.
La parola völva in antico norreno vuol dire “portatore di bacchetta” o “portatore di oggetto magico” infatti queste sacerdotesse usavano un tipo specifico di bacchetta per i loro rituali.

volva_wand_by_simoniculus-d31fjjj
Un altro nome con cui venivano chiamate era  Spækona ( colei che vede).
Le völur praticavano il Seiðr un tipo di magia praticata in Scandinavia dall’età del ferro. 
La natura del Seiðr è ancora sconosciuta. Alcuni studiosi pensano fosse di origine sciamanica e prevedesse trance e viaggi sciamanici.
Il rito del Seiðr era associato a Odino, divinità della guerra, della poesia e della stregoneria. In alcuni casi era rivolto anche a Freyja, dea della fertilità e amore.
Il rito consisteva in una serie di incantesimi detti Galdr (plurale Galdrar) e una danza circolare per accompagnarli. La völva entrava in trance per avere un contatto con la divinità attraverso questi incantesimi cantati.
Mediante il contatto con il dio, la völva poteva prevedere il futuro e acquistare poteri magici.
La parola Galdr significa incantesimo e deriva dal verbo að gala , cantare.
Il metro di questi incantesimi si chiama Galdralag .
I Galdrar potevano essere usati per mandare dei malus alla parte nemica in battaglia, per favorire il parto di un donna o la fertilità in generale, prevedere il futuro. Si dice potessero essere utilizzati per far impazzire una persona (nello svedese moderno galen vuol dire pazzo), scatenare tempeste e far affondare navi, decidere il destino di una battaglia.

Odino è il dio che conosce tutti i galdrar, anche quelli sconosciuti all’uomo come per esempio quello per dare la vita o far tornare in vita i morti.

Un esempio di galdr si può trovare in questo tratto dello Skìrnismàl.
Skirnir è il servitore del dio Freyr che viene mandato in Jötunheimr per convincere la bella Gerðr a sposare Freyr.

Heyri jötnar,              “Give heed, frost-rulers,
heyri hrímþursar,       hear it, giants.
synir Suttungs,            Sons of  Suttung,
sjalfir ásliðar,               And gods, ye too,
hvé ek fyrbýð,              How I forbid
hvé ek fyrirbanna       and how I ban
manna glaum mani,   The meeting of men with the maid
manna nyt mani          (The joy of men with the maid.)

f4c1aedceb1eadd75832d783744e0975
Ricostruzione della una tomba di una donna sepolta con oggetti rituali. (Hordaland, Norvegia)
07a1278cfd396643abe82f923cd51929
Ricostruzione della tomba di una donna tumulata con una bacchetta rituale e altri oggetti magici.(Fyrkat , Danimarca)

Ricostruzione della tomba di una donna sepolta con bacchetta rituale  (Birka)
Ricostruzione della tomba di una donna sepolta con bacchetta rituale (Birka)

MITOLOGIA NORRENA #1 ~ Hulder .

AVVISO •
Non so se chi mi segue sul blog lo sa, ma sul canale youtube (www.youtube.com/user/singingsybelle) ho iniziato da poco una rubrica che tratta di miti norreni. Da tempo sono appassionata di Nord Europa e di mitologia norrena, l’ho studiata per breve tempo all’università e per il resto sono autodidatta. Mi documento, studio e faccio ricerche.
Ho pensato di riportare sul blog i testi dei video che ho fatto e che farò in futuro in modo da avere un archivio  delle cose che studio e che mi appassionano, redatto in modo decente.
Spero che questi argomenti possano interessarvi.
Buona lettura.

HULDER

100___5__huldra_skogsra_by_alfalunar-d65fxlc

Un Hulder è una creatura molto famosa del folklore scandinavo.
Viene chiamata con vari nomi a seconda della posizione geografica. Hulder in Norvegia, Huldra in Svezia, ma anche Tallemaja (vergine delle foreste) o Skogsrå (spirito della foresta), Ulda nella lingua Sami.
La radice del suo nome vuol dire “segreto” o “coperto”.
Insieme ad altri personaggi appartenenti al folklore del nord Europa, fa parte della grande famiglia dei Rå, i guardiani e protettori della foresta.
Una Huldra è una creatura mutaforma che vive nei boschi scandinavi ed è spesso rappresentata come una bellissima donna o come una avvenente contadina che trasporta latte. Ha lunghissimi capelli, la pelle molto simile alla corteccia di un albero e presenta una lunga coda che ricorda quella di un bovino, altre volte quella di una volpe (preferisco immaginarla così, molto più carina!).
A differenza di altri, una Huldra non è quasi mai ostile verso gli umani. Ci sono molti racconti in cui sono sodali con l’uomo e lo aiutano in momenti di difficoltà.
In altre leggende si narra di come rapiscano i bambini umani per sostituirli con neonati partoriti da loro creando così una razza ibrida (Huldrebarn) oppure vengono rappresentate come delle crudeli ammaliatrici che attirano gli uomini nella foresta per portarli alla follia o per ucciderli e nutrirsi della loro linfa vitale.

Molti luoghi in Scandinavia devono il loro nome alla leggenda dell’Huldra.

Danimarca:
Huldremose (palude dell’Huldra), sito famoso per la scoperta della Donna di Huldremose, uno scheletro di donna dell’età del ferro completamente mummificato.
Norvegia:
Hulderheim e Hulderhusan: due luoghi che rispettivamente vogliono dire “Casa dell’Huldra” e “Dimore delle Huldre”.
Sami:
Ulddaidvárri (regione norvegese): Montagna dell’Huldra.
Ulddašvággi (regione norvegese): Valle dell’Huldra. Uno dei picchi montuosi che la sovrasta questa vallata si chiama Háldi, un nome che come significato è molto simile a Rå, riferito allo spirito che veglia su quella specifica zona.

 

 

 

Fonti:
Wikipedia
http://www.tfwalsh.com/
http://fuckyeahmythologicalbeasts.tumblr.com/
http://scandinavianfolklore.blogspot.it/

PHOTOGRAPHY – The Red Room

Pochi mesi fa ho avuto il piacere di fotografare Elanor qui a Torino.
E’ stata una giornata piacevole che purtroppo si è conclusa in una maniera un po’ inaspettata.
Eravamo ospiti di un Bed & Breakfast in cui lei alloggiava. I signori gentilmente ci hanno concesso di usare le loro stanze per le foto. E’ un luogo molto carino in cui ogni stanza si distingue per il colore dell’arredamento.
Abbiamo scattato tutto il pomeriggio e quando siamo tornate nella hall abbiamo trovato tutto sottosopra: c’erano stati i ladri!
Non ci siamo accorte di niente, non abbiamo sentito un rumore.
Eravamo piuttosto scosse e purtroppo i gestori del b&b hanno subito dei danni a porte e finestre. Non hanno subito furti, ma erano molto seccati.

Poteva andare molto peggio e almeno la consolazione è che le foto sono venute bene e sono molto soddisfatta!

4A

Per guardare le altre foto clicca qui: https://www.behance.net/gallery/18427261/The-Red-Room

Martina

CUCINA PER NABBI #3 – Mousse al cioccolato e menta.

Ciao cari.
Sono tornata a mettere in mostra la mia nabbaggine in fatto di arte culinaria, siete contenti?
Quanto mi piace rendermi ridicola…ah!
Questa ricetta l’ho rubata da Cotto e Mangiato – no, non quello della Parodi, quello nuovo con la squinzia che nessuno si ca*a.
Ora voi direte “ma questa qui guarda Studio Aperto e io sto qui pure a leggerle il blog, ma guarda te” …ecco, no…ci tengo a dire che sono capitata su Italia 1 per caso.
Avete presente quei cioccolatini che si chiamano After Eight? Cioccolato fondente con ripieno di menta. GODURIA.
Da sempre la combo cioccolato+menta è la mia preferita quindi appena ho visto questa ricetta mi sono detta “devo rifarla!!”.
Inoltre è molto fresca e ideale per questa stagione torrida (attualmente c’è un freddo cane, ma facciamo finta che ci siano 40 gradi).

Quali sono le difficoltà di questa ricetta?
Se siete dei nabbi come me le difficoltà potrebbero essere:
•dividere i rossi dagli albumi (vedi post procedenti).
Farò finta di non aver sacrificato due uova per riuscire a farlo.
•montare a neve con le mie fruste elettrice superultramegaiper-nuovissime che hanno 45 livelli di potenza e ogni volta che le aziono tutto l’impasto finisce categoricamente sui muri della cucina.

 

• Ingredienti • 

Foglie di menta fresca (non troppe, circa 20 foglioline piccole)
200g cioccolato fondente
90g di panna fresca
4 uova

 

Fate sciogliere il cioccolato. (Io l’ho fatto sciogliere in modo super-becero nel microonde)

2
Mettere sul fuoco un pentolino con la panna e le foglie di menta tagliate a pezzetti.
Lasciate bollire e poi spegnete. Quando la panna sarà raffreddata potrete “scolare” le foglioline e unire la panna al cioccolato sciolto.

1
Mescolate bene panna (ormai aromatizzata) e cioccolato. Aggiungete un tuorlo. Mescolate bene bene!

A parte separate 4 albumi e montateli a neve.

5
Incorporate gli albumi con il composto precedentemente ottenuto e mescolate DALBASSOVERSO L’ALTOALTRIMENTINONVIENEUNC***O finchè non risulta omogeneo.

6
Mettete la mousse in piccole coppette o bicchierini e lasciate riposare in frigorifero (per quanto tempo? Non lo so…deve essere fredda #NABBISSIMA)

7

 

 

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta, anche se è davvero a prova di imbecille.
Alla prossima!

Marty.

❀❀ 800 in Villa ❀❀

Sono viva!!
Scrivo questo post perchè…udite udite…mi è stato richiesto!! (c’è davvero qualcuno che legge le mie entries….maddai!)
Prima di tutto un piccolo aggiornamento.
Il 30 Days PhotoChallenge è attualmente sospeso. Lo so, lo so, faccio schifo … scusate.
Per quanto riguarda Wreck This Marty: è in dirittura d’arrivo e continuerò i video sul canale!

Ho detto tutto? Ok. Bene.

Che cos’è “800 in Villa”?
E’ stato un evento organizzato da Magia Mask e Victorian & Romantic Italian Revival, due associazioni che hanno come mission quella di organizzare eventi storici, fantasy e riportarci indietro nel tempo anche solo per una sera.
Durante questi eventi il dresscode è spesso obbligatorio (a volte consigliato).
L’evento a cui ho partecipato io l’8 giugno si è svolto nella bellissima location di Villa Olmo a Como.

villa_olmo
Grazie a Francesca, una mia carissima amica, sono riuscita ad ottenere un vestito degno e in tema con il dresscode consigliato.
Una volta arrivate a Como abbiamo raggiunto la Villa con un battello e all’arrivo ci ha accolto un corteo di ballerine e lo staff di Magia Mask che ci dava il benvenuto. Ovviamente c’erano molti turisti radunati e incuriositi che facevano foto, ma non ci hanno disturbato più di tanto.
Il programma della giornata consisteva in un picnic con vari intermezzi di danze storiche e dimostrazioni organizzate da Magia Mask.
Io e le mie amiche appena arrivate alla villa ci siamo trovate il nostro angolino di ombra (si moriva dal caldo) e siamo rimaste lì pressoché tutto il giorno salvo qualche passeggiata lungo il lago. (Ho anche pucciato i piedini nell’acqua in modo molto poco vittoriano).
All’imbrunire abbiamo acceso delle lanterne e abbiamo cenato nel parco della villa.
E’ stata una giornata divertente, caldissima ed è stato bello rivedere persone che purtroppo riesco a incontrare solo in queste occasioni. La temperatura non mi ha permesso di fare un reportage come avrei voluto, ma ho fatto lo stesso qualche foto.
Se vi interessano questo genere di eventi, vi invito a seguire le pagine facebook delle due associazioni ^_^ .

Martina.

30 DAYS PHOTOGRAPHY CHALLENGE update!

Eccomi qui!
Vi starete chiedendo che fine hanno fatto i miei aggiornamenti in merito alla challenge fotografica (o forse no…) !?
Bhe, ho deciso che d’ora in poi aggiornerò solamente la gallery dedicata, sulla mia fanpage.
Il motivo? Mi viene difficile creare ogni giorno un post sul blog apposito per ogni foto. Inoltre ritengo che sia stancante anche per voi che leggete ritrovarvi sempre le stesse cose.
Quindi se volete seguire i miei progressi con la challenge, vi ricordo il link della mia fanpage:

https://www.facebook.com/SybellePhotography

A presto!

Marty .

CUCINA PER NABBI #2 ~ Pancakes ☼

Sono ritornata con la mia rubrica per persone impedite in cucina. Con questi post voglio dare speranza alla gente che ha difficoltà anche a separare un albume da un tuorlo (io, per esempio). Ebbene si, come avrete capito non sono mai stata una cima in cucina, ma ultimamente mi sto dilettando un pochino di più giusto per non morire di fame.
Non fraintendetemi, appena posso ripiego sulla mia adoratisssssssima pizza a domicilio, però ogni tanto fa bene alla mia autostima partorire qualcosa di commestibile.

Oggi parleremo di un piatto a prova di ritardati.
Sto parlando dei PANCAKES. Quella specie di frittela che si vede sempre nelle serie tv americane spesso servita in pilastri altissimi e che ti fa venire voglia di addentare anche una lastra di compensato.
Farli è facilissimo.
Il procedimento comporta due step un po’ complessi se siete dei newbies come la sottoscritta:
– dividere tuorlo da albume ( si, non l’avevo mai fatto va bene? )
– montare a neve gli albumi (fruste elettriche forever)

Ingredienti

Farina: 125g
Burro: 25g
2 uova
Latte: 200ml
Lievito in Polvere: 6gr
Zucchero: 16gr

Potete guarnirli con qualunque cosa: sciroppo d’acero, marmellata, frutta, cioccolato…

pan

Come si fa

– Separate gli albumi dai tuorli. Ce la potete fare, non è difficile. Forza e coraggio. Fate scorta di uova, al massimo se sbagliate potete riprovare. Ce l’ho fatta, ce la può fare chiunque.

– Insieme ai tuorli aggiungete il latte e il burro fuso. Miscelate usando una frusta o una forchetta.

– Aggiungete il lievito in polvere e la farina setacciati.

pan_1

Facile no?

– In un’altra ciotola montate gli albumi a neve insieme allo zucchero.
– Unite gli albumi al composto ottenuto precedentemente mescolando dal basso verso l’alto (RICORDATEVELO, SE NO SI SMONTA TUTTO ò___ò)

pan_2

– Mettete sul fuoco un pentolino antiaderente con una noce di burro
– Versate al centro un cucchiaio di impasto, lasciatelo dorare e poi giratelo come se fosse una piccola frittatina.
– Serviteli con quello che più vi piace!

pan_3

Sono ideali per una merenda o una colazione bella sostanziosa.
Io solitamente li metto in colonna uno sull’altro e li mangio con forchetta e coltello, manco fossero una fiorentina.
Buona ingozzata!

pan_4

Marty.

FOTO BONUS ~
FOTO BONUS ~