Ciao 2013, a mai più.

L’anno scorso avevo scritto un post di resoconto per l’anno appena passato.
L’ho riletto e mi sono resa conto, molto tristemente, che non è cambiato niente.
O meglio, le cose stanno lentamente mutando, ma in fin dei conti io sono sempre qui al mio posto.
Le persone intorno a me sono sempre quelle e io sono sempre precariamente senza un soldo.
La cosa diversa quest’anno è che per il 2014 ho davvero grandi aspettative e quindi se il dicembre prossimo mi troverete qui a scrivere un resoconto IDENTICO a questi due, sappiate che sarò davvero depressa ò_ò

Per certi versi questo 2014 mi spaventa, sarà un anno di cambiamenti, di svolte positive (spero) per la mia vita professionale. Dopo due anni di curriculum mandati a vuoto, colloqui fuffa e porte in faccia, forse riuscirò a FARE QUALCOSA. Qualsiasi cosa. Ormai mi accontento di tutto. (Datemi un lavoro please)
Non ho rinunciato a volermi occupare di fotografia, rimane il mio sogno nel cassetto poter vivere facendo foto e offrendo quel tipo di servizio. Continuerò a farlo e magari un domani diventerà la mia attività primaria, chissà.
Inutile dire che non mi sono sentita per niente bene con me stessa in questo 2013.
Quello per cui ho studiato e lavorato non ha portato a niente e non mi sento per niente realizzata, mi sono sentita e mi sento tutt’ora come se avessi buttato via molto tempo che avrei potuto impiegare meglio.
Aggiungeteci il fatto che anche il datore di lavoro per l’occupazione più stupida della terra ( ESEMPIO: Addetta riordino scaffali, periodo natalizio. Esperienza pregressa 2 anni.)  risponde con ‘le faremo sapere’ o non risponde affatto.
Aggiungeteci il fatto che appena accenno anche solo un piccolo rimborso spese per un servizio fotografico o un low budget la gente sparisce nel nulla, come se avessi nominato Satana o che stupro bambini.
Ci tengo a dire che non mi rotolo nel piumone mangiando gelato e piangendo, però convivere con questo senso di insoddisfazione non è bello. Ci si sente inutili.

QUINDI!!!! Tenendo conto della suprema legge del ‘PEGGIO DI COSI’ NON PUO’ ANDARE’…spero che il 2014 mi riservi molte sorprese!!   *ottimismo!*
Quali sono i vostri propositi per l’anno nuovo?
Spero siano meno depressivi dei miei! VOGLIO SAPERE ^_^

Vi auguro un 2014 ricco di felicità ♡
Marty.

ccb23247b3a67814e1698b1804746f6c

Annunci

10 thoughts on “Ciao 2013, a mai più.

  1. Mi ritrovo in pieno con quello che hai scritto.
    Sto rincorrendo la laurea, quindi tecnicamente non sono ancora *disoccupata*, ma mi sto laureando in qualcosa che anche volendo mi potrebbe dare addirittura meno lavoro e meno stabilità economica della fotografia. Con la quale, ovviamente, non ho battuto quasi nessun chiodo nel 2013…
    Quindi niente, prendo l’ideale vasetto di gelato e ti porgo l’ideale cucchiaino per abbuffarci insieme meditando su quanto sia improbabile voler vivere di creatività (ma anche di qualsiasi altro mestiere, mi sa).

  2. Se io dovessi fare un resoconto del 2013 posso dire che per me è stato solo un “copia & incolla”. Non credo che sarà il primo e non penso che sarà l’ultimo.
    In termini di lavoro anch’io sono nella stessa situazione. Ora qualcuno mi dirà «Sì però tu hai solo la terza media!». Bravo saputello! Peccato che oggi giorno siamo tutti nella stessa barca, senza distinzioni di studio o di età!
    Concludendo, i buoni propositi per l’anno nuovo non ne voglio fare perché l’ho già fatto per il 2012 con risultati scarsi. Preferisco sperare più in un futuro da “lo scopriremo solo vivendo” che sperare “per forza” nell’anno nuovo.
    Io spero che già da DOMANI ci accada qualcosa di bello.
    E se durante il 2014 si sommeranno le cose belle, torneremo qui è diremo che IL 2014 È STATO UN ANNO FANTASTICO!!! ^_^

  3. Mi rivedo in me stesso leggendo queste righe, con la differenza che molte sventure sono capitate per errori propi. Cerchiamo di pensare positivo, se no è la fine.

  4. A me il 2013 è piaciuto, non per faccende personali o altro, quanto per aver conosciuto persone stupende tra cui te, Marti, e tutta la cerchia di persone collegate al mondo della fotografia e di Youtube.
    Ogni anno si cresce, ogni anno si migliora.
    Buon anno nuovo ^^

  5. Il mio 2013 è stato un anno pieno di sorprese positive. E’ iniziato malissimo, nel crogiolo della storia più lunga della mia vita nella fase terminale del suo sgretolamento. E’ iniziato con un profondissimo senso di frustrazione per i dolori da te citati in pompa magna (lavoro, studi ecc) condito da vita sociale allo stremo e da un pessimo rapporto con il mio vero io, schiacciato in tanti anni di prigione, talmente corrosivi da non poter respirare, talmente asfissianti che ho davvero pensato che sarei caduta in qualche specie di depressione (attacchi di panico annessi). Marzo ha messo la parola Fine a questo turbine di brutture, iniziate circa tre anni prima, aprendo la mia vita ad una fase tutta nuova. Aprile ha iniziato ad intaccare la crosta di tristezza e di vaghezza in cui tutti ci troviamo, niente lavoro, niente casa, niente vita indipendente, e lì è iniziato uno stato di assestamento durato circa due mesi, nei quali ho riposizionato me stessa e la mia vita nel giusto ordine, accudita dalle cure amorevoli di mamma. Nel frattempo faceva un freddo fottuto e sembrava che questo inverno non dovesse finire mai, winter is going on, ed io sono andata nell’unico posto in cui sapevo che avrei trovato pace, ovvero sulle montagne, lontana, a millecinquecento metri di altitudine, senza soldi, senza certezze a parte il calore di un fuoco e il colore delle tende blu. Qui grazie alle persone giuste ho potuto rendermi conto di quanto la mia solitudine interiore e la frustrazione di troppi anni avesse sciolto la fiducia nelle mie potenzialità, la voglia di fare, la mia capacità di cambiare la mia vita o anche solo di pensare positivamente e di buttarmi davvero a capofitto in quello che amo fare ed essere. Ho imparato ad accontentarmi del lavoro che ho trovato nel frattempo (stagionale, fatica immensa, datori di lavoro pessimi, poco svago e tanto tempo per non-pensare, solo fare, fare, fare, non c’è provare) cosa che prima mi sembrava impossibile. Ero talmente stretta nel mio ruolo e nelle mie convinzioni che non mi rendevo conto che alla fine ho fatto volentieri fatica e mi sono anche divertita. Settembre mi ha vista di nuovo dai miei, a casa, stavolta in modo meno claustrofobico. Son rimasta ferma, ho accettato che mi venisse data una mano e nonostante i rifiuti non ho mollato. Ottobre, felicità, fiere, Lucca, amici, un bordello di roba e poi, il culmine.
    A volte a spiattellare ai 4 venti che hai bisogno di qualcosa, la gente viene. E infatti ho trovato la persona giusta che al momento giusto mi ha acchiappata e messa davanti ad una scelta. Musica o la stessa frittata del 2012-2013, chiusa nel mio mondo a sperare che qualcuno mi dia un lavoro? La risposta è arrivata e MUSICA è la mia parola d’ordine. Il 2014 lo voglio (e lo farò) pieno di musica e di viaggi. Si, lo so, non ho il becco di un quattrino.

    Non c’è Ma che tenga. Ho fiducia nel mio potere e mi realizzerò, senza sapere dove sto andando.

    Buon 2014 Marty 😉

  6. ti auguro di riuscire a realizzarti perché te lo meriti davvero.
    sei una delle fotografe più interessanti che seguo sul web, prima o poi se ne accorgerà qualcuno più influente di me 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...